Brand Journalism: tutti i segreti sul giornalismo d’impresa

Con l’arrivo della rivoluzione digitale le aziende hanno capito che avevano una opportunità: essere una Media Company, utilizzando il giornalismo d’impresa come tecnica per dialogare con i propri clienti anziché essere intermediati dai classici canali della comunicazione analogica. 

Da target a soggetto dialogante: la disintermediazione portata dal digitale ha rivoluzionato il modo di relazionarsi tra le aziende e i propri clienti.

Se prima era normale affidarsi ad attori terzi (televisioni, giornali, magazine, canali pubblicitari) per veicolare i propri messaggi, oggi le organizzazioni hanno strumenti formidabili per parlare direttamente al proprio pubblico.

Parliamo dei social, delle piattaforme streaming, dei siti web: un territorio così vasto da rendere necessario uno sforzo titanico per produrre contenuti di qualità e di interesse, cosa che è accaduta o sta accadendo passando dalla comunicazione autoreferenziale all’informazione. E avviare così un dialogo proficuo con la clientela.

Per questo motivo alcune grandi aziende hanno già realizzato l’importanza di diventare Media Company, iniziando a strutturarsi come un organo di informazione e praticando con successo il giornalismo d’impresa (Brand Journalism).

Le nuove esigenze dei clienti

Provare a instaurare un dialogo con il cliente tramite i canali tradizionali, non solo non tiene conto di come Internet abbia modificato le piattaforme scelte dai clienti, ma anche del cambio d’atteggiamento dei clienti stessi.

Infatti, il sovraffollamento di notizie, prodotti, pubblicità ha creato negli utenti un profondo bisogno di autenticità sia dal punto di vista dell’esperienza d’acquisto che nel rapporto con la marca.

Dati confermati dall’ultimo report di Meaningful Brands: il 66% dei clienti cerca un’esperienza significativa quando si rapporta a un prodotto, ma meno della metà delle marche (47%) viene ritenuta credibile.

Per soddisfare questa necessità è fondamentale che la comunicazione della propria azienda diventi autentica, parli di fatti e di successi spiegando come si sono ottenuti, non solo dichiarandosi “da sempre” allineati ai migliori valori e pratiche del business. Ditemi cosa avete fatto e perché, datemi informazioni, non snocciolate solo i vostri successi, o presunti tali.

Il giornalismo d’impresa come soluzione

Realizzare contenuti autentici, instaurare un dialogo attuale, ingaggiante e utile, è qualcosa che solo una pratica consolidata come il giornalismo – applicato alla marca, il Brand Journalism – è in grado di fornire.

Ce lo ricorda Francesco Giorgino, giornalista Rai e docente di Content Marketing e Brand Storytelling alla Luiss di Roma, nella prefazione de L’azienda media company, laddove dice che il giornalismo d’impresa ha tre funzioni:

  • far conoscere la marca al pubblico e connettere i consumatori con l’universo simbolico e culturale del brand;
  • suscitare nel pubblico un interesse duraturo e non occasionale;
  • accrescere il customer care umanizzando l’azienda.

Per praticarlo con successo è necessario combinare tecniche giornalistiche tradizionali (le 5 W), su piattaforme nuove (social e web) con mezzi apprezzati dai clienti d’oggi (video, corporate blog).

Esempi di giornalismo d’impresa di successo

Le best practices sono innumerevoli: in Italia non c’è dubbio che Eni rappresenti un’eccellenza, avendo allestito un canale – Eni.tv – di altissimo profilo, avendo scelto di modificare profondamente il linguaggio del proprio Corporate Site, e molto altro.

Ma se il video marketing è il trend del momento, non bisogna sottovalutare il corporate blogging: ManPower Italia, ad esempio, realizza una rivista sia cartacea (una bella e antica pratica da non abbandonare) sia digitale, LINC Magazine, che ha fatto scuola grazie alla capacità di dialogo transmediale con le altre piattaforme dell’azienda e alla qualità dei propri contenuti. 

Link, House Organò storcico di Manpower, ha vinto il premio di Best Scenario Channel ai Brand Reporter Award 2021

In conclusione, il Brand Journalism è oggi uno strumento di comunicazione fondamentale, e noi di Brand Reporter Consulting siamo pronti ad accompagnare i nostri clienti nel futuro della comunicazione d’impresa.

Leave a Reply

Your email address will not be published.